08 maggio, 2016

La casa torre

Uno degli elementi distintivi del medioevo, perlomeno a partire dal X secolo, è una casa che ha sia le caratteristiche di dimora che di rocca difensiva: la casa torre.

Una casa torre di San Gimignano
La struttura massiccia della torre infatti, forniva agli occupanti sia un luogo in cui vivere che un ottimo baluardo di avvistamento, oltre che difensivo. Osservazione, segnalazione e difesa sono le tre ragioni principali che portano al sorgere di queste strutture che, nel panorama italiano, diverranno un segno distintivo per secoli. Tale tipo di casa era dotato di pozzo per l'acqua e cortile interno; grande portale di accesso per consentire l'accesso a cavallo e spesse mura, con piccole finestre, concepite a scopo difensivo.

Le case torri trovano sviluppo soprattutto in città, dove le rivalità fra le principali famiglie, richiedevano misure difensive adeguate. Ciò comporta una crescita in altezza dei centri urbani più importanti. Essendo costruzioni ingegnose, spesso le famiglie nobiliari fanno a gara a chi costruisce la torre più alta. Così nascono imponenti strutture: a San Gimignano ad esempio, la torre del Podestà raggiunge i 54 metri di altezza; a Bologna, la torre degli Asinelli giunge a 97 metri, mentre altre torri superano i 70 metri!

La torre degli Asinelli a Bologna; in primo piano la torre della Garisenda.

Un abitante dell'epoca, avrebbe visto la città emiliana come noi oggi vediamo città come New York e Dubai, dato che architetture che giungevano al centinaio di metri di altezza erano molto rare.
Bologna infatti, giunse ad avere un aspetto più simile ad un'odierna metropoli americana o orientale.

Ricostruzione computerizzata di Bologna nel medioevo, secondo le attuali conoscenze storiche (Cineca Bologna)
Queste torri divengono dunque simbolo di potere, di visibilità: avere una torre alta significava essere visti da ogni angolo della città, e quindi testimoniare la propria influenza sulla vita cittadina. Questa è una delle ragioni, oltre a problemi legati alla stabilità strutturale di tali torri, per cui molte di esse sono state abbassate o smantellate.
Siena ad esempio, una volta conquistata da Firenze, ha perso molte torri.
Attualmente, la città turrita meglio conservata è San Gimignano.

San Gimignano, provincia di Siena
San Gimignano è una delle meglio conservate città medievali, e testimonianza scolpita nella pietra dell'importanza della casa torre in questo periodo storico. L'uomo d'altronde è sempre stato affascinato dall'idea di costruire in altezza, ed ancora oggi, la sfida verso il cielo continua grazie ai grattacieli, eredi della torre medievale.

Nessun commento:

Posta un commento