18 maggio, 2017

Historie medievali: le ricette della tavola rotonda

Le ricette che oggi vi proponiamo, sono le seguenti:

TORTA DEL BORGHESE (metà del '300).

Ingredienti:
1 kg di spinaci.
1 kg di bietole fresche.
1 kg di sale grosso.
300 gr. di Pecorino marzolino.
Un uovo.
Spezie varie noce moscata, zenzero, cannella a piacere.

Pasta classica
La pastella per le torte viene sempre realizzata mescolando acqua calda, farina e sale (e strutto, preferibilmente).


Procedimento:
Prendete gli spinaci e le bietole lavateli, sfogliateli e tagliateli a striscioline. Fategli perdere interamente l'acqua, mettendo strati alternati di verdura e di sale grosso e lasciando a riposo per circa 2 ore. Preparate la pasta classica e farcitela con una crema composta dal pecorino precedentemente fuso a bagno maria con l'aggiunta di un po' di latte. Alla crema preparata, aggiungete pure la noce moscata, lo zenzero e la cannella.Spolverate l'ultimo strato con pecorino stagionato grattugiato, chiudete la torta con la pastella, spennellate con un uovo e infornate a 190° per 40-45'. Per ottenere i migliori risultati, la torta non dovrebbe venire più alta di 4 dita (5-6 cm).



MINESTRA DI HERBETTE

Ingredienti (per 4 persone):
500 gr. di foglie di bietola.
100 gr. di altre erbe: borragine, spinaci, ecc.
Prezzemolo quanto basta.
Menta quanto basta.
2 litri scarsi di brodo di carne.
Sale e pepe.

Procedimento:
Per prima cosa portate ad ebollizione il brodo e in un'altra pentola dell'acqua salata, quindi occupatevi delle erbette. Lavatele accuratamente (specialmente la borragine, se l'avrete colta in campagna); immergetele nella pentola con l'acqua bollente e salata per alcuni minuti. Scolatele e strizzatele, quindi tritatele finemente. A parte tritate il prezzemolo e la menta, che devono essere freschi e crudi, dopo averli lavati e asciugati. Intanto il vostro brodo starà bollendo e a questo punto vi aggiungerete le erbe cotte, 2 o 3 cucchiai di prezzemolo e un po' di menta, se necessario salate e pepate.Questa minestra è ottima se servita non troppo calda, per gustare al meglio la freschezza del prezzemolo e della menta sarebbe bene non aggiungervi formaggio.

Nessun commento:

Posta un commento