29 aprile, 2018

Il Sacro Speco

Uno dei luoghi dall'atmosfera più suggestiva in Italia è senza dubbio nel territorio di Subiaco. Se vi trovate dalle parti di Roma, non esitate a fare un giro in uno dei luoghi del monastero territoriale di Subiaco, ad est della capitale, non lontano da Tivoli. Spettacolare, fra tutte le costruzioni monastiche edificate in zona, è il Sacro Speco.

Il Sacro Speco emerge dalla roccia della montagna
Il Sacro Speco è un monastero che si arrampica letteralmente sui fianchi del monte Taleo. Papa Giulio II, nel 1461, ne rimase così suggestionato da definirlo un "nido di rondini". È composto da due chiese sovrapposte, e da una serie di Cappelle e grotte interamente affrescate in epoche diverse. L'edificazione di tale monastero cominciò nell' XI secolo ad opera dell'abate Umberto, e fu decorato ed arricchito da una serie di opere d'arte fino al XV secolo.

Vediamo insieme gli elementi più suggestivi:

Grotta di San Benedetto: anfratto del monte Taleo dove il Santo si ritirò in vita eremitica per tre anni. Per tale ragione, la grotta è l'elemento di fulcro dell'intero monastero del Sacro Speco. Si può dire che il monastero stesso si sia sviluppato intorno a questa grotta.

Grotta di San Benedetto

Cappella di San Gregorio: è un ambiente affrescato da cui si accede attraverso la chiesa inferiore del Sacro Speco. Anch'esso è appoggiato alla roccia, ed è caratterizzato dai bellissimi affreschi medievali. Notevole è il pannello del XIII secolo che ritrae San Francesco d'Assisi.

Affresco di San Francesco nella Cappella di San Gregorio

Scala Santa: il passaggio dallo Speco alla Grotta di San Benedetto era caratterizzato da un ripido sentiero. Tale sentiero fu sostituito, fra l'XI ed il XII secolo, da una Scala detta poi Santa. Nel XIV secolo queste pareti vennero affrescate con episodi della vita di San Benedetto, creando un ambiente estremamente suggestivo.

Scala Santa

Cappella della Madonna: sotto la Cappella di San Gregorio venne costruita questa cappella dedicata alla Madonna, nel XIV secolo. Da tale cappella si accede alla Scala Santa.

Cappella della Madonna

Grotta dei Pastori: sotto la grotta di San Benedetto è presente un altro anfratto nella montagna, dove il santo incontrava i pastori che abitavano la valle dell'Aniene. È presente anche qui un affresco della Vergine Maria.

Chiesa Inferiore: costruita fra il 1244 ed il 1276. E' un ambiente rettangolare diviso in tre vani, e si accede ad essa dalla Chiesa Superiore.

Chiesa inferiore

Chiesa Superiore: struttura più alta e recente del Sacro Speco. E' interamente affrescata, ed è l'elemento artistico più rilevante del monastero.

La chiesa superiore

In sintesi, il Sacro Speco è una passeggiata suggestiva nel misticismo medievale. Storia, cultura e spiritualità, sono stati magistralmente fusi in un piccolo monastero aggrappato alla parete di una montagna. Quindi, se vi trovate dalle parti di Roma, non esitate ad andare sulle montagne che sorgono ad est.

Nessun commento:

Posta un commento